< Indietro

Contattaci

I nostri esperti in viaggi subacquei sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per aiutarti a pianificare e prenotare una fantastica vacanza subacquea

Immersioni nel Territorio britannico dell'Oceano Indiano

Come una delle ultime frontiere scuba del mondo, il British Indian Ocean Territory ha forse le migliori immersioni al mondo. Considerati fortunato se sei in grado di immergerti in questo mondo sotterraneo colorato.

Immersioni nel Territorio britannico dell'Oceano Indiano

Qualche dato

Poiché l'uso di attrezzature per immersioni subacquee è stato a lungo vietato nel Territorio britannico dell'Oceano Indiano, non si sa molto sui siti di immersione della zona. Quelle poche informazioni che abbiamo sono da spedizioni scientifiche o immersioni completate da membri militari di stanza su Diego Garcia. C'è speranza che i regolamenti riguardanti le immersioni subacquee nell'arcipelago di Chagos presto cambino, ma non sono ancora stati fatti piani definitivi.

L'ambiente sottomarino della zona è costituito da scogliere calcaree poco profonde, oltre 300 montagne sottomarine e pinnacoli e un'enorme fossa di mare profondo. Ci sono anche voci di aerei e naufragi, ma nessuno di questi è stato ancora descritto. La maggior parte delle isole include uno scaffale poco profondo o una laguna che cade nel blu. Dei siti descritti intorno a Diego Garcia, la maggior parte sono circa 100 piedi (30 metri) alla massima profondità. Le immersioni sia in barca che a terra sono possibili dalla maggior parte delle località.

I sub della zona possono aspettarsi condizioni incontaminate. Le temperature dell'acqua sono calde tutto l'anno e consentono immersioni senza muta. Da dicembre a febbraio è considerata stagione umida con venti da ovest-nord-ovest mentre da giugno a settembre è stagione secca con brezze da sud-est. I venti sono leggeri durante tutto l'anno.

Sebbene non si sappia molto sulle immersioni nel Territorio britannico dell'Oceano Indiano, coloro che hanno avuto la possibilità di immergersi in queste acque spettacolari spesso osservano che queste sono le acque più chiare e più diverse che abbiano mai visto.

Quando andare

Precipitazioni e temperature

Fai clic per ingrandire

Temperatura dell'acqua

Fai clic per ingrandire

Cosa vedere

Essendo la seconda più grande area protetta marina del mondo, il Territorio britannico dell'Oceano Indiano è uno degli hotspot della biodiversità mondiale. L'arcipelago di Chagos ospita 220 specie di coralli tra cui un corallo cervello endemico e coralli staghorn. Di queste specie, 60 sono in pericolo rendendo il parco marino un importante punto di riferimento per la conservazione dei coralli.

Oltre alla quantità impressionante di coralli, ci sono almeno 784 diverse specie di pesci nella zona. A causa della sua politica di non prendere, il parco marino è diventato anche un'importante area di conservazione per le specie pelagiche come mante, squali balena, tonni e lo squalo setoso in via di estinzione. È anche possibile vedere una varietà di altri raggi e squali.

Infine, le isole offrono rifugio sia a hawksbill e alle tartarughe verdi, sia al più grande artropode terrestre del mondo, il granchio di cocco.

Data l'opportunità di immergersi nell'Area Marina Protetta di Chagos, è probabile che tu veda più specie per immersione di quanto tu possa ricordare.

Calendario

Per una migliore lettura della tabella, passa alla modalità paesaggio.

Gli avvistamenti più probabiliAvvistamenti possibili

Paese

Il Territorio britannico dell'Oceano Indiano è uno dei luoghi più remoti della Terra. Si trova a metà strada tra l'Indonesia e la Tanzania e il vicino più vicino del BIOT è The Maldives a nord. Il territorio è composto da sette atolli noti come l'arcipelago di Chagos con oltre 1.000 piccole isole. Queste isole sono per lo più strutture coralline formate da vulcani sottomarini. L'isola più grande, che è anche la più meridionale, è Diego Garcia e viene utilizzata come base militare americana.

L'arcipelago di Chagos fu originariamente fondato da Vasco de Gama nel 1500, ma non fu colonizzato fino al XVIII secolo, quando i francesi rivendicarono l'arcipelago come parte di Mauritius. Le isole furono colonizzate da schiavi africani e imprenditori indiani che lavoravano nelle piantagioni di cocco. Nel 1810, Mauritius divenne una colonia del Regno Unito e nel 1965 il Regno Unito divise le isole Mauritius e le Seychelles per creare il territorio britannico dell'Oceano Indiano. Questa strana decisione è stata alimentata dalla creazione di una base militare americana. Le isole delle Seychelles furono in seguito restituite alla giurisdizione di quel paese dopo aver ottenuto l'indipendenza nel 1976.

Oggi, la base di Diego Garcia esiste ancora. Inoltre, il governo britannico ha recentemente costituito il secondo parco marino più grande al mondo intorno all'arcipelago di Chagos. Il parco marino ha le dimensioni della Francia ed è anche circondato da una zona di conservazione e protezione ambientale (EPPZ) e da una zona di conservazione e gestione della pesca (FCMZ). Tuttavia, il parco marino non è stato formato senza polemiche. Molti credono che il governo abbia usato la creazione del parco per impedire il ritorno dei nativi chagossiani che sono stati spostati dalla formazione della base militare.

A causa della natura remota delle isole, dello stato protetto e dell'uso militare, visitare il Territorio britannico dell'Oceano Indiano è difficile da fare. Ma per coloro che perseverano, un paradiso incontaminato pieno di vita marina interessante attende.

Altri luoghi di interesse

Non ci sono infrastrutture turistiche nel Territorio britannico dell'Oceano Indiano perché l'accesso è incredibilmente limitato. In quanto tali, le sole attività topside sono limitate a quelle inventate dai navigatori che arrivano con nave privata. Potrebbero avere l'opportunità di esplorare spiagge deserte o fare un po 'di pesca per una cena fresca. Mentre l'immersione è vietata nell'area marina protetta, lo snorkeling non lo è. L'opportunità di esplorare questo variegato ambiente sottomarino è un'enorme opportunità per chiunque visiti l'area.

Come arrivare

Il Territorio britannico dell'Oceano Indiano, o l'Arcipelago di Chagos, è accessibile solo da una nave privata. Chi naviga verso il BIOT e l'ormeggio in uno dei porti, deve richiedere un permesso prima di visitare. Si prega di notare che non ci sono forniture per l'acquisto in questa zona e, pertanto, i visitatori dovrebbero portare tutto il necessario con loro.

GMT + 06: 00

Fuso orario

USD

Valuta

+246

Prefisso

110 V

Tensione elettrica

UN, 

B

Tipo di spina

NKW

Aeroporto principale
Nota – Un viaggio verso qualsiasi destinazione può essere colpito da situazioni avverse (ma non solo) come le condizioni di sicurezza, i requisiti di entrata e uscita, condizioni sanitarie, leggi locali e cultura, disastri naturali e climatici. A prescindere dalla tua destinazione, controlla la sezione riguardante gli avvertimenti ai viaggiatori o il sito del Ministero degli Affari Esteri se ci sono consigli sulla destinazione che state pianificando di andare a visitare e ricontrolla di nuovo poco prima di partire.
x

Salva quel preferito

Con un account PADI Travel, puoi fare in modo che i tuoi operatori subacquei preferiti tornino in un secondo momento su qualsiasi dispositivo o computer

Accedi o registrati